martedì 31 agosto 2010

videosorveglianza e telecamere milano

Spyproject on line vendita e progettazione di sistemi di audio videosorveglianza su richiesta e su misura alle vostre esigenze si realizzano telecamere occultate in qualsiasi tipo di oggetto e con diversi tipi di trasmissione dati e immagini visita il sito cliccando sulla barra del menù la categoria di interesse o contattaci per una richiesta un preventivo gratuito a info@spyproject.com oppure chiama il 328 1566225.

In città sono già installati 1070 dispositivi per il controllo in remoto.Sicurezza, 9 milioni per telecamere
e videosorveglianza. In arrivo anche un software innovativo, utilizzato a Londra e Gerusalemme.
MILANO - Il Comune di Milano continua a investire sulla videosorveglianza e le 1070 telecamere per la sicurezza che già fanno del capoluogo lombardo la città italiana più monitorata con sistemi di controllo in remoto sono destinate ad aumentare nel numero. Nelle pieghe del bilancio previsionale 2010 dedicate al settore sicurezza è infatti previsto un finanziamento di 9 milioni di euro per le «tecnologie per la sicurezza». Otto milioni serviranno per l'acquisto di nuove camere, dotate di un software già in uso a Gerusalemme e a Londra capace di individuare e segnalare movimenti sospetti tramite semplici mutamenti cromatici dei pixel; il restante milione sarà invece destinato a bandi per cofinanziare gli impianti di sorveglianza di commercianti e particolari categorie di cittadini. Al momento l'amministrazione non ha ancora definito la dislocazione dei nuovi impianti, ma è probabile che alcune telecamere saranno poste nei sottopassi. «Vogliamo utilizzare le nuove telecamere - ha spiegato il vicesindaco Riccardo De Corato, presentando il bilancio alla commissione comunale - per contrastare lo spaccio e i reati predatori come furti, scippi e rapine». E a chi, tra l'opposizione, gli ha obbiettato la presunta inefficacia della videosorveglianza, il vicesindaco ha replicato: «Le telecamere sono così inefficaci che ogni mese la Procura ci chiede in media 200 accessi ai dati della nostra centrale operativa». Nonostante questa rassicurazione, il Pd non ha mutato il proprio giudizio. «La Giunta Moratti sceglie di spendere soldi per le telecamere invece di assumere nuovi vigili - ha accusato Andrea Fanzago (Pd) - a dimostrazione del completo fallimento delle politiche sulla sicurezza del centrodestra a Milano»
(fonte: Ansa).

Nessun commento:

Posta un commento